Lo stile a Gerusalemme

In contemplazione del Muro del Pianto, a Gerusalemme

barbara oggero fotografia viaggi travel street photography jerusalem israel western wall rabbis clothes tradition religion people travel black hot summer

A Gerusalemme fa caldo a giugno. Praticamente è già estate, con quel caldo secco e pieno che richiama alla mente la terra seccata dal sole cocente, che concede tregua solo all’ombra, in angoli dove soffiano refoli di aria appena più fresca. Questione culturale, religiosa, etnica decidere come andare vestiti, seppure in contrasto con la condizione climatica. Perciò i rabbini ebrei hanno catturato così spesso la mia attenzione: incuranti del caldo vestono con strati di abiti dall’apparenza poco leggera, indossano calze coprenti e cappelli in feltro (se non di pelliccia), calzano scarpe con alte suole in gomma e se ne stanno abbottonati fino al mento. Una tortura dal mio punto di vista, ma evidentemente è solo una questione di punti di vista, entrambi legittimi e rispettabili.

Le mie street photography di Gerusalemme in un click: qui!

Dimmi la tua!