Il dattero, ripieno

marocco-datteri

Dolcetto arabo [English below]

Le dita restano incollate alla superficie rugosa del dattero, che trasuda la sua zuccherina essenza e – solo con uno sguardo – agisce sui denti e agita il metabolismo. Al posto del nocciuolo, una striscia sottile di burro permette al gheriglio di noce d’infilarsi senza fatica e far bella mostra di sé.

L’effetto cromatico è gradevole, poiché il colore dei diversi elementi è assortito bene e tale sensazione si mantiene anche quando il piccolo dolcetto viene assaggiato: la dolcezza del frutto e la secca granulosità della noce sono amalgamati nella viscosità del burro. Inutile dire che si tratta di una piccola bomba calorica, i cui grassi saturano il sangue all’istante, ma sono una delle specialità dell’area del Maghreb, dove le oasi con palmeti coprono ampie superfici e camminarvi all’interno è come stare in una delle foreste a cui siamo abituati.

Il dattero, vera risorsa economica per tante famiglie del sud-est del Marocco, viene celebrato con una festa a Erfoud che, per tre giorni a metà Ottobre, coinvolge i locali e richiama gli stranieri. Balli e musica tradizionali in abiti berberi incoronano questa delizia e il raccolto, che viene lavorato e venduto nei banchetti di tanti mercati.

Riposti in scatoline bianche di cartone esile e semplice, questi possono essere portati a tavola oppure agevolmente consumati vagando nell’abbondanza ridondante di un souq.

Sul Marocco / About Morocco
- Le città imperiali / Imperial cities
Kasbah

———————————————————-
The fingers are glued to the rough surface of dates, which exudes its essence and sugar – and with just a glance – affects teeth and shake the metabolism. Instead of hazel, a thin strip of butter allows the walnuts to put on easily and make a fine show.
The color effect is pleasant, as the color of the different elements is well stocked and this feeling is maintained even when the little trick is tasted: the sweetness of the fruit and the dry grain walnut are blended in the viscosity of the butter. Needless to say, it is a small bomb of calories, saturated fat whose blood spot, but are one of the specialties of the Maghreb area, where the oasis with palm trees cover large areas and walk in it’s like being in a forests of which we are accustomed.
The date, real economic resource for many families in the south-east of Morocco, has a special celebration Erfoud which, for three days in mid-October, involving local and attracts foreigners. Music and dancing in traditional Berber clothes crown this delicious and the harvest, which is manufactured and sold in many markets stalls.
Stowed in boxes white cardboard slender and simple, these can be brought to the table or easily consumed wandering in the abundance of a redundant souq.

About these ads

Tag:, , , , , , , , , , ,

Categorie: Marocco

Seguimi

Ciao, sono Barbara e questo è un messaggio automatico per la conferma del servizio di sottoscrizione al blog. Per favore, procedi come da indicazioni qui sotto.

5 commenti su “Il dattero, ripieno”

  1. Giovy
    ottobre 25, 2012 a 10:53 am #

    A me i datteri piacciono poco ma ogni volta che leggo la parola “dattero” penso a mio padre perché li adora :)

    • ottobre 25, 2012 a 1:38 pm #

      Pensa che a casa mia (in senso di famiglie) sono un’istituzione del Natale!

  2. polly674
    marzo 20, 2013 a 10:56 am #

    Quanto amo i datteri, sarà un eredità genetica che ho preso dal mio papà (che come quello della Giovy ne va matto!)
    Quando siamo stati ad Abu Dhabi mi sono davvero divertita ad assaggiarne di ogni tipo e forma…e ripieno ovviamente. I miei preferiti, oltre a quelli “nature” sono quelli ripieni con la scorza di arance candite. FAVOLOSI!

  3. maggio 13, 2013 a 8:45 am #

    I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog and was curious what all is required to get setup? I’m assuming having a blog like yours
    would cost a pretty penny? I’m not very web savvy so I’m not
    100% positive. Any tips or advice would be greatly appreciated.

    Cheers

    • maggio 14, 2013 a 11:51 am #

      wp offers different lay-out (free or not) and you can find the one I’m using in the list; after choose the favourite (and paid if the case), you change the visual.

Dì la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: