Camargue, bella e selvaggia

Camargue-Parc

Un merletto sfilacciato dall’incessante battere del vento salmastro: così appare la Camargue sulla mappa , grazie all’incontro secolare tra le acque dolci del fiume Rodano e il battere incessante delle onde mediterranee.

Di una bellezza disarmante, è proprio nell’apparente nulla di questa zona del sud della Francia che si nascondono il suo fascino e la sua ricchezza. Divisa idealmente in due parti, contrappone la più asciutta area settentrionale a quella acquitrinosa del sud. Percorrendola in auto, in moto o – meglio ancora – in bicicletta, questa conformazione appare chiara, ma nulla di quel che circonda stona in un modo con l’altro.

Formatasi nel corso di secoli grazie ai sedimenti fluviali, l’entroterra venne bonificato all’inizio dello scorso secolo per permettere gli insediamenti urbani e la coltivazione su larga scala, soprattutto di riso. Ma è nelle lagune di sale e nei laghi interni, bruciati dal sole estivo e sferzati da un’aria priva di barriere, che è possibile scoprire la vera essenza di questa zona, dove vivono oltre 400 varietà di volatili e la cui presenza è motivo di interesse per gli studiosi, oltre che di gaudio per i fotografi.

Barbara-Oggero-foto-Francia-Camargue-spiaggia

Francia | Camargue, spiaggia

Sulla costa poi, dove il delta del Grand Rhône, e del fratello minore, si allarga da oltre 500 anni, si estendono kilometri di spiaggia libera al pari di fili sottili tenuti insieme solo dalla clemenza del tempo.

Le Salin de Giraud, ritenute per estensione le più grandi d’Europa, raccontano poi un altro pezzo di storia di questi luoghi e costituiscono uno spettacolo cromatico dentro lo spettacolare ambiente circostante, che si pone sotto l’egida di Parco Regionale per preservare un ecosistema tanto ricco e altrettanto fragile.

Il Reportage (articolo e immagini) è disponibile su richiesta.

About these ads

Tag:, , , , ,

Categorie: Francia

Seguimi

Ciao, sono Barbara e questo è un messaggio automatico per la conferma del servizio di sottoscrizione al blog. Per favore, procedi come da indicazioni qui sotto.

2 commenti su “Camargue, bella e selvaggia”

  1. Giovy
    settembre 25, 2012 at 9:13 am #

    La camargue mi è piaciuta da matti… la pensavo troppo piena di turisti ed invece mi ha emozionato molto.

    • settembre 25, 2012 at 2:15 pm #

      la Camargue è un luogo di pace e silenzio. Rilassante al massimo.

Dì la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: