Sarakiniko dalla bianca scogliera

Sulle spiagge di Milos, il mare si fa cristallino tra le scogliere lunari di Sarakiniko

Milos ha la forma di una farfalla dalle ali tozze, erose senza tregua dal Mar Egeo e dal Meltemi, il vento greco che d’estate batte le Cicladi e attenua la percezione del calore solare sulla pelle. Ricca di storia, la sua terra ha restituito molte testimonianze di un passato che anticipa di molto la nascita di Cristo, tra cui la celebre Venere esposta al Louvre.

Tra le molte opportunità per godersi una bella vacanza, la sua massima attrazione restano le spiagge: piccole baie dalla sabbia spessa e il mare cristallino si fanno largo tra i rilievi lavici e vengono prese d’assalto durante la stagione turistica, soprattutto nelle ore in cui è sconsigliato esporsi al sole. Firopotamos, col bel paesino a incorniciarla, Paliochori, Friplaka e Tsigradao, dalle acque di zaffiro, sono solo alcuni degli angoli paradisiaci dove prendere la tintarrella, ma anche dove rendersi conto di cosa la natura è in grado di produrre e gli eventi atmosferici modellare.

Barbara Oggero foto Grecia Milos spiagge Sarakiniko

Grecia | Milos, Sarakiniko

La più particolare resta però Sarakiniko, per le rocce bianche, accecanti nella luce del giorno e capaci di creare una scenografia lunare. Il contrasto col blu senza nuvole del cielo è netto, mentre le onde del mare si insinuano in una laguna naturale e subito si quietano, regalando agli occhi una lucente trasparenza. Un set fotografico naturale che ispira avvenenti ragazze in costume a posare instancabili, davanti agli obiettivi degli accompagnatori e agli sguardi divertiti di un pubblico sempre più fitto, assiepato in ogni angolo libero. Le dimensioni ridotte della battigia obbligano infatti le frotte di turisti a stendere i propri teli sulla scogliera, macchiandola di colori e rompendo inevitabilmente l’incanto.

Barbara Oggero foto Grecia Milos spiagge Sarakiniko

Grecia | Milos, Sarakiniko

Una mini esplorazione del luogo, necessaria per uscire dal bagno di corpi accalcati, dal chiasso di madri e figli italiani, dall’odore di focacce alla greca, permette di scoprire angoli più appartati, dove il vento ha eroso la roccia candida, modellandola con curve morbide. Un’onda sospinta più in alto s’è fatta spazio e riempie una vasca naturale di acqua sempre nuova, permettendo di immergersi per un bagno in solitaria. Refrigerio immediato per il corpo e piacere assoluto nell’ammirare quel paesaggio surreale cullati dallo sciacquettio del mare, quando all’orizzonte compare un omino coperto da testa a piedi e col passo così pesante da sembrare un astronauta appena sbarcato su un pianeta sconosciuto di una galassia lontana. Come dargli torto: sulla scogliera di Sarakiniko, pare proprio di stare in un altro mondo!

Info pratiche
Posizionata nella parte nord-est di Milos, Sarakiniko è raggiungibile con un mezzo proprio (sull’isola sono numerosi i noleggiatori di scooter, quad e auto) da lasciare nel parcheggio a monte. Una discesa facile lungo la scogliera permette di raggiungere la spiaggetta. Conviene arrivare prestissimo (e andar via per ora di pranzo!). Caldissima e mare meraviglioso!
Mangiato a: Taverna Archontoula, Plaka

Rispondi