Un mondo sotterraneo

I sotterranei di Todi contano 5 chilometri di cunicoli e gallerie, su cui si aprono più di 30 cisterne di epoca preromana, romana e medievali. Si tratta di un articolato sistema architettonico che percorre il colle nel suo interno, per sfruttare le caratteristiche geomorfologiche del terreno: le acque sorgive e le infiltrazioni delle piogge, incanalandosi nei cunicoli, hanno limitato l’erosione del terreno e, raccogliendosi nei pozzi e nelle cisterne, hanno garantito le esigenze di approvvigionamento idrico della cittadina per lunghi periodi.

Una piccola parte di gallerie e cisterne è visitabile: l’ingresso è in Via del Monte (ingresso a pagamento), dopodiché si scende di alcuni metri e si entra in un vero e proprio mondo ‘invisibile’, fatto di roccia nuda, terra e umidità.

Rispondi