I mosaici del Bardo

Tunisi-Bardo-Venere-alla-Toilette

Raggiungere la periferia occidentale di Tunisi per ammirare la pregiata collezione di mosaici esposti al Museo del Bardo è un viaggio da fare. Uno dei più importanti musei dell’area islamica, oltre che dell’Africa, raccoglie la più vasta collezione al mondo di pavimenti, pareti e soffitti creati con il metodo pittorico dell’unione di tessere di diverso materiale e colore.

Ospitato nella residenza reale dell’husseinita Alì Bey, del XIX secolo, circondato da un grande giardino e disposto su tre piani, la visita permette di ammirare anche la bellezza dell’edificio bianco, dentro i cui saloni luminosi si svolgeva la vita dei sovrani e del loro entourage.

Inaugurato nel 1888 e successivamente ampliato, nel 2011 era in fase di riallestimento con alcune delle oltre trenta sale chiuse al pubblico, senza che ciò sminuisse l’imponenza e l’importanza dei molti reperti sempre visibili. Dall’epoca preistorica fino a quella arabo-islamica, i pavimenti occupano una superficie di oltre 2000mq e i più importanti sono sicuramente di epoca romana del II-IV secolo d.C., ritrovati nelle terme, negli edifici pubblici e nelle ville di nobili e commercianti che vivevano su questa sponda del Mediterraneo dopo aver sconfitto i punici.

Perseo che libera Andromeda, Venere alla toilette, la Corsa di cani in un circo, il Trionfo di Nettuno, Teseo e il Minotauro nel labirinto, Ulisse e le Sirene, la povera Medusa dalla testa mozzata, sono solo alcuni dei meravigliosi ritratti di un’epoca che attingeva la propria ispirazione dal mito, dalla natura circostante e dall’influenza di altre culture. Altri mosaici raccontano invece la vita quotidiana, fotografando i giochi nell’anfiteatro, le attività agricole (dedite soprattutto alla coltivazione del grano), ittiche e di caccia, il passare delle stagioni, fino ad arrivare ai temi cristiani, con pavimenti per cappelle, battisteri, mausolei e –finanche – le fonti battesimali, dimostrando così anche l’esistenza di una sorta di industria del mosaico fiorente e consolidata.

Esposti in bel modo, su pareti altissime o aree delimitate di pavimento, incorniciati come quadri, le opere possono essere osservate godendo della luce che dai soffitti in vetro penetra in quelli che in passato erano ampi giardini.

Accanto ai mosaici sono esposte diverse statue raffiguranti divinità, eroi e personaggi mitologici. Tutte di eccezionale fattura, spicca la testa ciclopica di Giove, che campeggia su un enorme salone il cui pavimento è ricoperto da un altrettanto enorme mosaico, integro. Un piede di grandi dimensioni giace sotto la testa del padre degli Dei, facendo così intuire la grandezza colossale del complesso. Diverse statue di Venere corredano altri mosaici, mentre un Ercole ebbro e in posa maliziosa ricorda un tempo in cui Bacco avrebbe fatto bere gli eroi e le divinità insieme al popolo.

—————————————————–

Info pratiche
Indirizzo: Boulevard du 20 Mars 1956 TN – Tunis
Costo: 4.000DT adulti
Come raggiungerlo: in taxi, oppure con la metropolitana di terra (fermata Bardo, costo biglietto circa 0,30€)

About these ads

Tag:, , , , , , ,

Categorie: Tunisia

Seguimi

Ciao, sono Barbara e questo è un messaggio automatico per la conferma del servizio di sottoscrizione al blog. Per favore, procedi come da indicazioni qui sotto.

Non c'è ancora nessun commento.

Dì la tua

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: