La Media Maratón del Ghiacciaio

Dalle sabbie del Sahara ai ghiacciai del Perito Moreno, partecipare a un evento podistico permette di vivere una diversa esperienza di viaggio, dove ogni centimetro di strada è vissuto pienamente e rappresenta una conquista.

La Media Maratón del Glaciar porta a scoprire passo dopo passo una minuscola area della Patagonia argentina, regione che rimanda alla memoria di molti le pagine di Bruce Chatwin, viaggiatore e scrittore che in queste lande trascorse sei mesi in movimento e li raccontò poi nell’omonimo libro divenuto uno dei capisaldi della letteratura di viaggi.

Il prossimo 14 Aprile il silenzio surreale di questa terra verrà rotto dal rumore dei passi dei mezzomaratoneti che costeggeranno una parte dei 30 km di lunghezza del Perito Moreno e attraverseranno poi alture e dislivelli, respirando a pieni polmoni l’aria fredda del Parco Nazionale del Glaciar, che accoglie la gara e mette a disposizione la propria bellezza naturale di sito tutelato dall’Unesco.

Una bellezza antica e monumentale quella che si ammira nella parte sud-ovest della provincia di Santa Cruz, dove il Parco è situato e dove si staglia maestoso il famoso ghiacciaio. Una superficie di 250 km2 ne fanno la terza riserva al mondo di acqua dolce, tenace nonostante l’effetto serra: immenso, bianco e dagli spigoli aguzzi, esprime potenza nei suoi 60 metri di altezza e, inevitabilmente, lascia attoniti e ammirati.

Venature azzurre riflettono la limpidezza delle acque del lago in cui il ghiacciaio si immerge dopo aver iniziato il suo secolare cammino lento, inarrestabile, e forse il suono di un suo scricchiolio, o di una sua frattura e dell’impatto inatteso nell’acqua – come accaduto nelle scorse settimane – squarcerà la vera quiete, regalando emozioni fuori programma ai corridori.

Le foto sono tratte dal sito della Media Maratón del Glaciar.

Si ringrazia Ruta40 Tour Operator per la segnalazione dell’evento.

Rispondi